........attendi qualche secondo.

#adessonews solo agevolazioni personali e aziendali.

per le ricerche su Google, inserisci prima delle parole di ricerca:

#adessonews

Siamo operativi in tutta Italia

 

Borsa: Milano chiude in volata (+2,58%), ora la Fed fa meno paura #adessonewsitalia

L’inflazione Usa a ottobre si raffredda, Europa esulta (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) – Milano, 10 nov – L’inflazione Usa salita a ottobre meno del previsto ha spinto le Borse europee, partite in sordina proprio in attesa del dato. A Piazza Affari il Ftse Mib ha chiuso in progresso del 2,58%, mentre continua la pubblicazione delle trimestrali, a Francoforte il Dax40 ha guadagnato il 3,51% e a Parigi il Cac 40 l’1,96%, quando a Wall Street gli indici si muovono in netto progresso, soprattutto il Nasdaq. A ottobre, negli Stati Uniti, i prezzi sono aumentati rispetto al mese precedente dello 0,4%, contro attese per un +0,6%. Il dato “core”, ovvero quello depurato dalla componente dei prezzi dei beni alimentari ed energetici, e’ cresciuto dello 0,3%, contro attese per un +0,5%. Su base annuale, il dato generale ha messo a segno un +7,7%, con le attese al 7,9%. Il dato “core” e’ cresciuto del 6,3%, con le attese che erano per un +6,5%. Pubblicate anche le richieste settimanali dei sussidi di disoccupazione, che sono aumentate la scorsa settimana di 7.000 unita’ a 225.000, con le attese a 220.000.Il rallentamento dell’indice dei prezzi al consumo alimenta l’idea che la Federal Reserve possa limitare la sua politica aggressiva sui tassi, quando dalla Banca centrale europea e’ arrivata l’indicazione che ci saranno altri rialzi. Tornando a Piazza Affari, tra i titoli exploit di Nexi (+9,56%), che ha pubblicato i conti trimestrali ma ha allungato dopo l’inflazione Usa in quanto titolo esposto ai consumi. Lo stesso movimento e’ stato osservato per societa’ attive nello stesso comparto come Worldline a Parigi. Hanno chiuso in forte progresso anche St (+7,87%) e Azimut (+7,71%) dopo i risultati. Segno opposto per Tenaris (-4,13%) e Saipem (-3,41%), in una giornata in cui il prezzo del petrolio ha avuto un andamento volatile. In chiusura dei mercati europei, il contratto consegna Gennaio sul Brent sale dell’1,22% a 93,78 dollari al barile e quello scadenza Dicembre sul Wti +1,03% a 86,71 dollari al barile. In lieve calo il prezzo del gas: -0,7% a 112,3 euro al megawattora. Infine, sul mercato dei cambi, l’euro si e’ rafforzato sul dollaro a 1,0167 (1,004 alla vigilia) e passa di mano a 144,235 yen (146,6) con il cambio dollaro/yen a 141,896 (146,35).

Fla-

(RADIOCOR) 10-11-22 17:43:01 (0616)NEWS,ENE,PA,ASS 3 NNNN

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

“https://www.ilsole24ore.com/radiocor/nRC_10.11.2022_17.43_61610616”

Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

#adessonews

#adessonews

#adessonews

 

Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione o finanziamento richiesto.
Riceverai in tempi celeri una risposta.