........attendi qualche secondo.

#adessonews solo agevolazioni personali e aziendali.

per le ricerche su Google, inserisci prima delle parole di ricerca:

#adessonews

Siamo operativi in tutta Italia

 

Bonus aziendali ai dipendenti, il governo vuole renderli esentasse fino a 3 mila euro. Ecco come #adessonewsitalia

700) { window.eventDFPready?googletag.cmd.push(function(){googletag.display(“rcsad_TopLeft”)}):document.addEventListener(“eventDFPready”,function(o){googletag.cmd.push(function(){googletag.display(“rcsad_TopLeft”)})},!1); } ]]>

L’annuncio

di Andrea Ducci06 nov 2022

Bonus aziendali ai dipendenti fino a 3 mila euro, il governo li renderà esentasseBonus aziendali ai dipendenti fino a 3 mila euro, il governo li renderà esentasse Federico Freni, sottosegretario al ministero dell’Economia

Ancora una volta si ricorre al maggior deficit per fare fronte agli interventi contro i rincari energetici. Questa sarà davvero l’ultima volta?
«Io non sono mai stato innamorato del deficit — dice Federico Freni, eletto alla Camera per la Lega e confermato sottosegretario al ministero dell’Economia — e credo che l’obiettivo di riduzione del debito sia di primaria importanza. Credo, tuttavia, che tempi straordinari come quelli che viviamo richiedano coraggio e visione: qualche punto di deficit oggi significa più crescita domani».

Ragionevolmente quanti soldi serviranno per finanziare le misure della legge di Bilancio?
«Circa 30 miliardi».

La premier Meloni ha indicato che buona parte del deficit aggiuntivo verrà usato per l’energia. Il resto della manovra come verrà finanziato?
«L’impatto netto sul deficit è di circa 22 miliardi: contiamo di compensare il saldo lordo della manovra con nuove coperture per circa 7,5 miliardi che originano in parte da risparmi di spesa e in parte da interventi fiscali mirati».

Dall’intervento che riduce la platea dei beneficiari del reddito di cittadinanza quanto pensate di poter ottenere?
«Stiamo ragionando su tempi e modi di questo intervento: non darei nulla per scontato. Dobbiamo proteggere chi non può lavorare ma non vogliamo più sostenere a spese dello Stato chi non vuole lavorare. Ma è presto per parlare di numeri esatti».

In manovra ci saranno flat tax, quota 41 e pace fiscale?
«Sono misure che costituiscono parte integrante del programma della Lega e della coalizione di centrodestra, quindi sì, ci saranno. Con la gradualità già preannunciata, ma ci saranno».

Quali altri interventi fiscali ci saranno in manovra?
«Verrà prorogata la rivalutazione di terreni e partecipazioni e sarà introdotta una misura che prevede l’assegnazione di immobili non strumentali ai soci da parte delle società commerciali con un’imposizione ridotta. Saranno rinviate di un altro anno sugar tax e plastic tax».

E i bonus edilizi, che sorte avranno?
«Anche i bonus verranno razionalizzati e stabilizzati: da un lato saranno prorogati i termini per usufruire del superbonus sulle ristrutturazioni energetiche per i contribuenti nelle fasce di reddito più basse, dall’altro sarà rivisto il decalage per i prossimi anni. Di sicuro sarà l’ultimo intervento: il settore ha bisogno di certezza, non di leggi che cambiano ogni mese».

L’inflazione sopra l’11% intanto erode il potere d’acquisto delle retribuzioni. Cosa vi aspettate?
«Il tasso di inflazione dovrebbe attenuarsi a partire dall’inizio del 2023, visto che i livelli dell’indice dei prezzi si confronteranno con quelli già molto elevati di inizio 2022. Se, come gli indicatori ci dicono, il prezzo del gas è destinato a calare e stabilizzarsi, allora anche l’inflazione calerà. Ci attendiamo segnali importanti in questo senso già dal secondo trimestre 2023».

La prossima settimana è atteso il nuovo decreto con le misure contro il caro bollette di famiglie e imprese.
«Il decreto conterrà nuove misure di mitigazione del costo dell’energia, incluso il taglio delle accise sui carburanti fino al 31 dicembre. Una parte dei fondi sarà utilizzata per anticipare alcune spese per investimenti pubblici e per introdurre una nuova misura».

Di cosa si tratta?
«Daremo la possibilità alle imprese di erogare un premio ai dipendenti esente da tassazione fino a tremila euro. Le imprese potranno così aiutare i dipendenti a fronteggiare il rincaro del costo della vita senza l’interposizione di un cuneo fiscale e senza cristallizzare aumenti salariali che potrebbero risultare insostenibili».

Iscriviti alla newsletter “Whatever it Takes” di Federico Fubini. Dati, fatti e opinioni forti: le sfide della settimana per l’economia e i mercati in un mondo instabile. Ogni lunedì nella tua casella di posta.

E non dimenticare le newsletter L’Economia Opinioni”
e “L’Economia Ore 18”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

“https://www.corriere.it/economia/finanza/22_novembre_06/freni-premio-3-mila-euro-dipendenti-esentasse-le-aziende-contro-rincari-a3051ed0-5d4e-11ed-b67c-31a110f523e8.shtml”

Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

#adessonews

#adessonews

#adessonews

 

Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione o finanziamento richiesto.
Riceverai in tempi celeri una risposta.